MARKETERS WORLD

Il convegno “MARKETERS WORLD” si sta avviando verso la conclusione. Sto scrivendo durante la pausa pranzo del secondo e ultimo giorno di questa convention. È il 16 settembre 2018 e questa data rimarra’ impressa nella mia memoria.

– La location.

Il palazzo dei congressi di Riccione è una struttura imponente, molto capiente (noi qui siamo in mille), con poltroncine rosse nuovissime e molto comode, un palco enorme e un servizio audio e luci da capogiro. Qui si sono dati appuntamento utenti dei corsi della comunità di marketing creata da Dario Vignali, il giovanissimo imprenditore che la rivista Forbes ha indicato come uno dei più influenti tra i giovani imprenditori italiani nell’economia digitale.

– I valori.

E’ stata l’occasione per veicolare ancora una volta i valori della comunità MARKETERS fatti di collaborazione digitale in rete, scambio di best practice riguardanti il mare magnum della comunicazione online, lo spirito di autoimprenditorialita’ con la preferenza del lavoro in remoto anziche’ la vita d’ufficio, la diffusione di processi elettronici per introdursi nel mondo del business digitale.

-Gli utenti.

Già al primo impatto si respira un’aria di affiatamento e condivisione emotiva, e soprattutto non c’è posto per la fuffa che gira spesso su internet. Qui c’è spazio solo per contenuti concreti e verificabili. Io sono uno dei pochissimi matusa presenti. L’età media va dai 20 anni ai 35. Quando sale sul palco Dario Vignali è un vero tripudio. Ognuno qui dentro è ben consapevole di quanto valore, in termini di formazione, ha ricevuto da lui e da tutto il suo team.

Il pubblico è fatto da ragazzi e ragazze variopinti, ganzi, ma disciplinati all’inverosimile. Tutti si sottopongono a file ed attese senza scomporsi, con la capacità di restare concentrati e partecipi in questa sala enorme dalle nove di mattina alle otto di sera con brevi pause. E tutti, dico tutti, rientrano al proprio posto puntualmente.

-Stessi interessi e stessa disciplina.

Se la pausa è di dieci minuti al decimo minuto si ricomincia, e nessuno disturba la prosecuzione dell’evento ritornando in ritardo. Uno dei valori della comunità è appunto la disciplina interiore finalizzata al raggiungimento del risultato ultimo: riuscire a raggiungere la libertà economica sfruttando le opportunità che l’economia digitale offre ai Nerd.

Questi sono una elite di persone che hanno acquisito la capacità di utilizzare internet e gli algoritmi dei social media per offrire servizi in rete. Si va dal drop shipping all’e-commerce, dall’affiliate market ai corsi di formazione online. Tutta gente che sa come eseguire un webinar, una campagna pubblicitaria su Facebook o Instagram, manovra con abilità i video digitali utilizzando varie piattaforme, è capace di scrivere articoli corretti dal punto di vista grammaticale e in grado di solleticare le emozioni degli utenti, sena dimenticare le regole basilari della SEO.

– Visibilità in rete.

Perché il mantra è farsi beccare nella prima pagina di Google e raggiungere numeri di condivisioni in rete da paura, per poi monetizzare queste abilità. La parola più usata è scalare, ovvero riuscire a creare sequenze di lavoro riproducibili enne volte, in modo che portino ai loro ideatori utenti e “grano” a volontà.

Sul palco si susseguono personaggi di successo del settore che raccontano la propria storia affinché gli ospiti in sala possano ispirarsi, imparando dai loro successi e dai loro fallimenti. Poi quando l’enorme Luca Mastella, l’ultimo arrivato dei soci di Marketers, comincia a spiegare le complesse strategie dei FUNNEL per l’acquisizione online dei clienti il silenzio in aula si taglia col coltello. Tutti prendono appunti sul blocco notes consegnato in sede di registrazione al convegno.

– Boom!

Di tanto in tanto qualche urlo liberatorio e molti applausi nei momenti topici. Qui tutti sanno cosa è una Landing Page, una mail di prelancio, la pagina di ringraziamento, il dono di processi digitali utili (il cosiddetto valore) e gli approfondimenti a pagamento, la costruzione di comunità per lo scambio delle esperienze e dei tool. Ma non vola una mosca perché la possibilità di arrivare al successo dipende dalla cura del dettaglio, dalla precisione meticolosa delle migliori sequenze di azioni strategiche, fino ad arrivare a quello che qui per tutti è il BOOM! 💣💣💣

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *